NUMERI RADDOPPIATI PER LA SECONDA EDIZIONE DI CIBUS CONNECT

La seconda edizione di Cibus Connect, svoltasi a Parma il 10 e 11 Aprile, organizzata da Fiere di Parma e Federalimentare in collaborazione con ICE Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, si è chiusa tra la piena soddisfazione delle aziende espositrici.

Ha giovato a Cibus Connect la vicinanza con Vinitaly e con il Salone del Mobile di Milano portando a Parma numeri importanti, 22mila operatori commerciali, 700 e oltre aziende alimentari espositrici, mille marchi e 500 nuovi prodotti. 10mila buyers di cui ben 3mila provenienti dall’estero.
Allestita negli anni dispari come formula smart della fiera Cibus, ha debuttato nel 2017 ed è giunta quest’anno alla sua seconda edizione, raddoppiando le sue numeriche.
 
“Il gradimento da parte degli operatori verso data e formula del Cibus degli anni dispari è stato elevatissimo ma non ci ha sorpreso. Una standardizzazione dei moduli espositivi, una durata ridotta e una rigorosa selezione dei visitatori – ha commentato Antonio Cellie, ceo di Fiere di Parma – non poteva che venire incontro alle esigenze dei nostri espositori. Così come una calendarizzazione  armonizzata rispetto a Vinitaly e al Salone del mobile che ha consentitoagli operatori esteri di visitare in pochi giorni le più grandi fiere italiane del vino, del food e del forniture”.
 
Grande interesse per la presenza delle startup alimentari, realizzate da giovani imprenditori, che hanno presentato le loro proposte nell’area Food Vision Lab, allestita da Future FoodInstitute e Federalimentare in collaborazione con ICE Agenzia, Cibus e Credit Agricole. Le nuove proposte sono state illustrate anche nel convegno “ItalianFoodStartups – The power of innovation”. Tra queste l’olio spalmabile della cosentina Reolì, un olio al 100% vegetale ottenuto senza alcun processo chimico, ma grazie al solo abbassamento della temperatura.

La rilevante quantità di nuovi prodotti in esposizione a Cibus Connect conferma l’impegno dell’industria alimentare italiana a reinterpretare la tradizione gastronomica del Paese, adattandola alle richieste dei consumatori.

Nel comparto pasta molte le novità sopratutto nelle farine: la pasta senza glutine con farina di lenticchie e riso; i fusilli con farina di piselli verdi; la pasta di riso e cavolo verde riccio. E ancora: la farina di goji e la farina di moringa; la piadina funzionale con Beta- glucani dell’avena che riducono il colesterolo; la pizza al cavolfiore biologico; il puree di frutta; la birra ambrata al tartufo; i filetti di tonno con curcuma e pepe nero. Numerose le novità anche nei settori del lattiero caseario e dei salumi: lo yogurt vegetale bio da riso integrale; i formaggi con curcuma; la burrata affumicata, il prosciutto antibiotic free; il prosciutto di Parma da allevamenti senza antibiotici.

Cibus Connect non è stata solo esposizione di prodotti, ma l’incontro di tutta la filiera agroalimentare, per far sì che le tematiche d’interesse siano approfondite e delineate quindi le strategie commerciali future.

A margine di Cibus Connect è stato siglato un Memorandum of Understanding tra Federalimentare, Cibus e FMI (Food Marketing Institute) che sarà rilevante nelle azioni di internazionalizzazione con gli USA soprattutto, ma non solo, in termini di incoming.

Richiesta Informazioni

contatta la nostra agenzia

Questo modulo di contatto raccoglie il tuo nome, e-mail e il tuo contenuto. Per maggiori informazioni, consulta la nostra pagina di Privacy policy.

Zero 39 news agency | USt-IdNr: DE 313775208 | Steuernummer 04724950537 | by Graficamente Studio | Privacy Policy